You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Una strada verso il miglioramento


Che cos’è la Malattia di Parkinson e come si manifesta?

La malattia di Parkinson è spesso attribuita alla presenza di tremore, ma di fatto bisogna dapprima considerare che ci sono differenti tipi di tremore e che non tutti possono rientrare in tale diagnosi, ancora più importante è considerare che il tremore, sebbene sia il sintomo più conosciuto, può anche essere assente. Ciò che invece caratterizza davvero la malattia sono il rallentamento e l’impaccio motorio, che possono inizialmente esprimersi in una parte del corpo (ad esempio nei movimenti fini di una mano) oppure con un disturbo del cammino e dell’equilibrio, associati ad una rigidità e flessione del tronco.

Negli ultimi 20 anni la comunità scientifica ha attenzionato oltre a quelli motori, la presenza di sintomi “non motori”, che possono impattare sul paziente con una disabilità uguale o addirittura superiore a quelli motori. Tra questi sintomi rientrano ad esempio: disturbi del sonno (dall’ insonnia ai disturbi comportamentali nel sonno), dolore, ansia e depressione, stitichezza, ipersalivazione, disturbi cognitivi della sfera esecutiva (es.prendere decisioni, mantenere la giusta attenzione nelle azioni, etc…). 

Cosa significa neuromodulazione e come si effettua?

La neuromodulazione in tdcs (transcranial direct current stimulation) è una metodica di stimolazione cerebrale non invasiva che grazie alla generazione di un campo elettrico è in grado di modificare l’eccitabilità della cellula nervosa, modulando quindi l’attività neuronale. Si effettua con un dispositivo di stimolazione a correnti dirette (di intensità costante di 1-2 mA) e due elettrodi che le trasportano verso l’area cerebrale interessata. L’intensità e la durata del trattamento determinano meccanismi di potenziamento a lungo termine e l’effetto di questa corrente è aumentare o diminuire la funzionalità, potenziando l’effetto di un percorso riabilitativo.

Come questo percorso apporta benefici e perché sottoporsi a questo training?

La persona con malattia di Parkinson può giovare dell’uso della neuromodulazione soprattuto per:

  • Migliorare alcuni aspetti motori, come il camminare e il linguaggio
  • Migliorare alcuni aspetti cognitivi, come ad esempio il grado di attenzione e di capacità progettuale
  • Migliorare alcuni aspetti emotivi, come il calo dell’umore.

Quanto è importante l’esercizio fisico?

Un altro strumento da considerare per migliorare la qualità di vita delle persone con malattia di Parkinson è l’esercizio fisico o anche l’attività sportiva adattata: attività che, se svolte con continuità, generano nuovi circuiti cerebrali in grado di tentare di compensare il deficit dovuto alla malattia. In alcuni casi è possibile abbinare la Neuromodulazione TDCS con l’esercizio fisico per potenziare ulteriormente l’effetto neuroriabilitativo.


Il Dottor Albani, neurologo ed esperto di malattia di Parkinson e disturbi del movimento, effettua visite specialistiche presso le nostre sedi:

MedicalGroup di Castellanza e MedicalB di Busto Arsizio.

Per maggiori informazioni sul percorso di training riabilitativo o prenotare una visita potete compilare il modulo di contatto.

Ultimi Articoli
SELFIE DAY

Asimmetrie e imperfezioni a chi rivolgersi?



ERNIE E LAPAROCELI

COSA SONO E COME TRATTARLI


Public Speaking

Perchè parlare in pubblico può essere difficile


In Allenamento contro il Parkinson

Una strada verso il miglioramento